Popolare Milano, la più ambita si prepara al valzer delle popolari

lunedì 27 aprile 2015 11:30
 

di Andrea Mandalà Valentina Za

MILANO, 27 aprile (Reuters) - Almeno cinque banche d'affari sono in lizza per seguire Popolare di Milano sulle opzioni di fusione nell'ambito dell'imminente ondata di consolidamento tra popolari innescata dalla storica riforma del settore.

Dopo i colloqui preliminari, nei prossimi giorni partirà formalmente la gara per selezionare gli adviser, il cosiddetto 'beauty contest', con gli inviti a formulare le proposte per procedere poi all'assegnazione del mandato, dice una fonte finanziaria.

Secondo altre fonti finanziarie, tra le banche in corsa per un mandato ci sarebbero Jp Morgan, Mediobanca e Barclays.

La scelta dell'adviser è il primo passo del risiko bancario che cambierà il volto di tutto il settore in Italia. Da come saranno distribuiti i mandati, visti i possibili risvolti in termini di conflitto di interessi, si potrebbero già intuire i contorni dei possibili piani di M&A.

Le prime che si sono mosse in questa direzione sono le due non quotate Pop Vicenza, che ha incaricato Mediobanca, e Veneto Banca, che ha affidato il mandato a Rothschild.

In un settore in pieno fermento e dalle molteplici variabili in gioco, Popolare Milano è uno dei perni del consolidamento in quanto considerata la più attraente tra le popolari coinvolte nel processo di trasformazione in Spa.

"Ha buoni coefficienti di capitale ed è posizionata nel territorio più ricco del paese. Se potessi la prenderei", dice un banchiere che vuole restare anonimo.

Secondo Société Générale, Bpm primeggia per qualità degli attivi in Italia: a fine 2014 i crediti deteriorati netti ammontavano a 3,6 miliardi, l'81% del patrimonio tangibile, contro una media di sistema di 122%.   Continua...