Enel, 'molto meno probabile' offerta ceca Cez per quota in utility slovacca

mercoledì 22 aprile 2015 17:59
 

PRAGA, 22 aprile (Reuters) - Il contenzioso fra il governo slovacco ed Enel sulla vendita del 66% detenuto dalla società italiana nella utility slovacca rende sempre meno probabile che il gruppo elettrico ceco Cez lanci un'offerta entro la scadenza di maggio.

E' quanto ha detto un membro del Cda di Cez a Reuters.

Enel si attende le offerte per la quota in Slovenske Elektrarne entro il 9 maggio e fonti vicine al dossier dicono che potrebbe interessare a quattro gruppi, inclusa Cez, che ha già espresso il proprio interesse. Anche se il primo ministro Robert Fico ha detto venerdì scorso che il governo, che detiene il 34% della società controllata da Enel, "ostacolerà in maniera attiva" la prevista vendita della quota.

"Abbiamo sempre detto che qualunque transazione debba essere accettata da entrambi e dare anche benefici agli azionisti, incluso il governo slovacco", ha detto il board member, Pavel Cyrani, che è anche chief strategy officer della società slovacca.

"Comprendiamo che la priorità del governo slovacco è quella di completare Mochovce e di non perdere il focus del management facendo una transazione alla stesso tempo. Rispettiamo questa posizione", ha aggiunto.

Alla domanda se la posizione del primo ministro renda meno probabile un'offerta entro la scadenza, ha risposto che "questo rende l'offerta molto meno probabile".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia