Derivati aumentano spesa pubblica di 3,6 mld nel 2014 - Istat

martedì 21 aprile 2015 13:04
 

ROMA, 21 aprile (Reuters) - I derivati hanno avuto un impatto negativo sul bilancio pubblico di circa 3,6 miliardi nel 2014, in crescita rispetto ai 2,854 miliardi dell'anno precedente.

È quanto emerge dalla notifica alla Ue dell'indebitamento netto e del debito pubblico diffusa oggi dall'Istat.

I 3,6 miliardi sono espressi in termini di cassa e si riferiscono ai contratti stipulati da tutte le amministrazioni pubbliche: ministero dell'Economia, Regioni ed enti locali.

Il grosso dell'operatività in derivati fa comunque capo al Tesoro che, a fine 2014, ha accumulato oneri potenziali (mark to market) per 42,6 miliardi.

Le tabelle dell'Istat mostrano che tra il 2011 e il 2014 i derivati hanno aumentato la spesa pubblica di 12,7 miliardi circa.

La serie storica non è compatibile con i valori diffusi da Istat fino allo scorso anno, perché nel frattempo è entrato in vigore il nuovo sistema europeo di classificazione contabile, il Sec2010.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia