Pioneer, verso accordo Santander Unicredit inizio settimana, nodo asset Usa -fonti

venerdì 17 aprile 2015 19:15
 

MILANO, 17 aprile (Reuters) - Le trattative tra Unicredit e Santander per la creazione di una società comune tra Pioneer e Santander asset management sono in una fase di accelerazione e, se verranno superati gli ultimi punti ancora in discussione, l'accordo arriverà a inizio della prossima settimana.

E' quanto riferiscono due fonti vicine alla situazione.

"Escluderei qualsiasi notizia nel weekend, si lavora alacremente". L'accordo potrebbe arrivare "a inizio della prossima settimana", dice una delle fonti. "L'intenzione è di chiudere e non siamo lontani", concorda una seconda fonte.

Fra i tre/quattro ostacoli ancora da appianare, quello delle attività Usa, dove Santander ha un contenzioso aperto con la Fed. La soluzione non passa però da uno scorporo dell'attività negli Stati Uniti, concordano le due fonti.

Su questo punto ci sono ancora varie opzioni aperte, dicono le fonti senza dettagliare. "Nel deal bisognerà trovare un assetto delle attività Usa che tenga conto della loro complessità", dice la prima fonte. "Ma non è detto che queste attività resteranno fuori dall'accordo, anzi si sta cercando di tenerle all'interno dell'accordo".

A fine settembre 2014 UniCredit ha annunciato l'avvio di colloqui con Santander con l'obiettivo di creare una società comune nell'asset management mediante l'integrazione di Pioneer e Santander Asset Management.

Dall'accordo dovrebbe nascere una società di asset management con un patrimonio gestito di circa 350 miliardi di euro (valore quantificato al tempo dell'annuncio) che si posizionerà tra le prime 15 in Europa e le prime 25-30 nel mondo e che potrà contare su una rete distributiva di oltre 21 mila sportelli.

In una fase iniziale la nuova società dovrebbe essere partecipata con il 33% a testa da UniCredit e Santander, mentre il restante 33% dovrebbe essere ripartito tra i due fondi di private equity Warburg Pincus e General Atlantic, oggi al 50% in Santander Asset Management. I due fondi sono destinati a uscire in prospettiva probabilmente attraverso un'Ipo.

Non è stato possibile avere un commento dagli interessati.   Continua...