CORRETTO-Parmalat punta a 'digerire' acquisizioni in 2015, M&A se occasione - AD

giovedì 16 aprile 2015 17:21
 

(Corregge in quarto paragrafo riferimento ad anno)

MILANO, 16 aprile (Reuters) - Per il 2015 Parmalat punta a 'digerire' l'abbuffata di acquisizioni realizzate lo scorso anno, senza però tirarsi indietro nel caso si presentino nuove occasioni.

Lo ha detto il numero uno del gruppo Yvon Guerin, a margine dell'assemblea che ha approvato il bilancio 2014 e lo nuovamente ha nominato amministratore, ampliando il Cda da sette a otto membri. In assemblea, Lactalis si è presentata con l'86,04% del capitale. In totale era presente il 90,8%.

"Quest'anno è importante digerire le aziende che abbiamo comprato, però dipende sempre dalle opportunità", ha risposto Guerin ai giornalisti che gli chiedevano quale fosse la somma disponibile per le acquisizioni nel 2015.

Guerin ha inoltre sottolineato che il primo trimestre di quest'anno è andato "un po'" meglio rispetto allo stesso periodo del 2014 e ha ribadito come l'Italia resti "strategica" per Parmalat, nonostante quest'anno risulti solo il quarto mercato per importanza del gruppo, dietro Brasile, Australia e Canada.

Per quanto riguarda la Centrale del Latte di Firenze, Guerin ha ribadito l'interesse di Parmalat, ricordando però che "ancora non c'è un vero e proprio processo di vendita" e che è quindi difficile parlare di tempistiche.

Nel corso dell'assemblea è riaffiorata la questione dell'acquisizione di Lag, operazione al centro di polemiche e vicende giudiziarie.

"Nel 2014 c'è stato uno scostamento negativo rispetto al business plan dell'acquisizione, questo porta la società a valutare ogni tutela che derivi dal contratto", ha risposto in assemblea la presidente Gabriella Chersicla al rappresentante di Amber Capital Arturo Albano, che lamentava carenza di informazioni sull'andamento delle società acquisite negli ultimi anni.

Secondo quanto dichiarato in assemblea, Lag ha chiuso il 2014 con un fatturato 2014 pari a circa 834 milioni dai 744,8 milioni del 2013, con un Mol pari a 60,9 milioni da 71,8 milioni del 2013 e utili pari a 25,9 milioni contro 29,1 milioni del 2013.   Continua...