Mediaset debole in borsa dopo indicazioni su pubblicità febbraio

mercoledì 15 aprile 2015 12:56
 

MILANO, 15 aprile (Reuters) - Mediaset in calo in Piazza Affari dopo le indicazioni Nielsen sugli investimenti pubblicitari di febbraio che, secondo rielaborazioni di stampa e analisti, mostrano un implicito calo del 2,8% della raccolta del Biscione in Italia.

Intorno alle 12,50 il titolo cede l'1,6% a 4,666 euro con volumi inferiori alla media a fronte di un indice FTSTEMib in rialzo dell'1%. In leggera flessione lo stoxx europeo del comparto media.

Secondo le stime Nielsen, nei primi due mesi dell'anno la Tv ha registrato una flessione degli investimenti del 4,9% (-4,8% la stima di gennaio).

Il Sole24Ore anticipava questa mattina un ribasso di Mediaset, nel bimestre, del 3,8% con una raccolta a 323 milioni.

Calcola un broker italiano che questo significa per il solo mese di febbraio un calo del 2,8% dopo il -4,7% registrato a gennaio. La concorrente Rai si troverebbe invece a -6% dopo un -12%.

I dati Mediaset, dice il broker, pur in miglioramento dal mese precedente, tracciano uno scenario peggiore rispetto alle attese di crescita per l'intero 2015, vista sopra il 3%.

Il gruppo ha recentemente confermato per il 2015 una forchetta di crescita della pubblicità in Italia del 2-4%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia