CORRETTO-PUNTO 1-Enel potrebbe mettere a disposizione infrastruttura per banda larga - fonti

martedì 14 aprile 2015 09:17
 

(Corregge quota Enel in mano a Tesoro)

di Danilo Masoni e Stephen Jewkes

MILANO, 13 aprile (Reuters) - Enel sta valutando di entrare nel piano per lo sviluppo della banda larga in Italia mettendo a disposizione la propria infrastruttura, secondo tre fonti vicine alla vicenda.

Secondo le fonti è improbabile che il gruppo elettrico controllato dallo Stato e molto indebitato, possa fare investimenti per la posa dei cavi in fibra, ma potrebbe fornire le linee e gli armadi della sua rete di distribuzione, oltre al know how tecnologico.

"Enel potrebbe mettere a disposizione la sua infrastruttura per rendere più rapido il processo di digitalizzazione", ha detto una delle fonti chiedendo di non essere citata perché nessuna decisione è ancora stata presa.

Enel, al 25% del Tesoro, non ha commentato.

Il governo ha approvato le linee guida contenute nella Strategia per la banda larga con il consiglio dei ministri del 3 marzo scorso.

L'intervento prevede 6,2 miliardi di investimenti pubblici ai quali se ne dovrebbero affiancare altrettanti privati.

La realizzazione del piano è intralciata da complessi regolamenti e problemi di governance tanto che dopo mesi di negoziati non c'è ancora accordo tra il governo e Telecom Italia, proprietaria della principale rete telefonica, su come procedere.   Continua...