Rcs, proxy Glass Lewis e Frontis suggeriscono appoggio lista Cairo-fonti

lunedì 13 aprile 2015 17:03
 

MILANO, 13 aprile (Reuters) - In vista dell'assemblea Rcs per il rinnovo del Cda, i proxy adviser Glass Lewis e Frontis Governance consigliano di votare la lista presentata da Urbano Cairo e non quella, più prevedibile, di Assogestioni.

Lo dicono tre fonti vicine alla situazione.

Uno spostamento dei fondi, o di parte di essi, verso la lista dell'imprenditore piemontese, socio di minoranza con il 4,6%, potrebbe cambiare qualche equilibrio in consiglio. Cairo infatti, che si contende con la lista di Assogestioni i tre consiglieri su nove riservati alle minoranze, si è spesso espresso contro l'attuale gestione del gruppo, in occasione ad esempio dell'avvenuta cessione degli immobili e della possibile vendita di Rcs Libri a Mondadori.

"Ieri sera le due proxy Glass Lews e Frontis hanno detto ai loro clienti di votare la lista Cairo", dice una delle fonti che indica, tra le motivazioni, "la competenza nel settore editoriale" dell'imprenditore e della sua lista e il fatto che Cairo abbia sempre espresso con forza posizioni "a difesa delle minoranze".

Altre due fonti confermano, rispettivamente, le posizioni assunte da Glass Lews e Frontis. Una di queste mette in luce in particolare il tema di potenziale conflitto di interesse per il candidato di Assogestioni Dario Frigerio, ex dirigente Unicredit, che è tra i principali creditori di Rcs. La lista di Cairo, aggiunge la fonte, presenta figure professionali specifiche del settore dell'editoria non collegabili alla lista di maggioranza. "Se alcuni fondi esteri si spostassero verso la sua lista, è probabile che Cairo riesca a inserire un proprio rappresentante in consiglio", conclude la fonte.

Stefano Simontacchi (managing partner dello studio Bonelli Erede Pappalardo), Marco Pompignoli e Stefania Petruccioli i nomi indicati nella lista Cairo. Gli investitori istituzionali (Anima, Arca, Eurizon, Kairos Partners Sgr, Mediolanum e Pioneer, in rappresentanza di oltre il 3,2% del capitale) hanno scelto invece Dario Frigerio, Paolo Colonna e Nella Ciuccarelli.

(Claudia Cristoferi, Maria Pia Quaglia)   Continua...