Italia, Def non sfrutta ripresa per taglio spesa e tasse - Codogno

lunedì 13 aprile 2015 12:34
 

MILANO, 13 aprile (Reuters) - Il Documento di Economia e Finanza mostra che il governo Renzi non sfrutta il miglior quadro economico e la minore spesa per interessi per raggiungere migliori risultati di finanza pubblica ma piuttosto per allentare la stretta sulla spesa.

La critica arriva da Lorenzo Codogno, per nove anni capo-economista del Tesoro e da poche settimane titolare a Londra di una società di consulenza economica.

"Il progresso limitato sui tagli strutturali alla spesa riduce il margine per riduzioni delle tasse e/o onerose iniziative di riforma aggiuntive" scrive l'economista in una nota intitolata 'Le rifome di Renzi si stanno esaurendo'.

Secondo Codogno, nel Def mancano alcune iniziative chiave per il sistema Italia: un ulteriore miglioramento per il contesto delle imprese, misure per sostenere l'espansione del credito, alleviare la povertà estrema e la disoccupazione di lungo termine.

Nonostante la linea riformista del governo, non c'è ancora una grande scossa della struttura degli incentivi all'economia, aggiunge l'ex-responsabile del Tesoro per la macroeconomia che riconosce al Def la presentazione di un quadro previsivo di finanza pubblica credibile.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia