Sale Rai Way, scende EI Towers dopo modifica soglia Opas

lunedì 13 aprile 2015 12:21
 

MILANO, 13 aprile (Reuters) - Andamento divergente in borsa per Rai Way e per EI Towers dopo che la società delle torri del gruppo Mediaset ha abbassato la soglia minima dell'Opas sulla concorrente al 40% del capitale dal 66,67%.

Intorno alle 12 Rai Way guadagna il 2,86% a 4,32 euro avvicinandosi ai 4,5 euro dell'offerta, mentre EI Towers scende del 2,19% a 51,45 euro. "L'azionista di minoranza di Rai Way vede aumentare le probabilità dell'operazione e di incassare i 4,5 euro (3,13 euro cash più 0,03 azioni EI Towers). EI Towers invece, che già scontava gli effetti positivi del deal, risente del fatto che avrà, eventualmente, solo una quota di minoranza, senza una reale integrazione tra le società, quindi i benefici saranno inferiori alle attese", spiega un analista.

Venerdì sera EI Towers ha rivisto la condizione sulla partecipazione minima di Rai Way accontentandosi di una quota di minoranza nella speranza di ottenere il via libera di Consob, che eccepiva sulla fattibilità dell'operazione alla luce della volontà del governo di mantenere la società sotto controllo pubblico con almeno il 51%. Nella sua risposta alla Commissione, EI Towers mantiene invariate le altre condizioni dell'Opas e sottolinea che l'offerta "non ha natura ostile" perchè punta a un progetto industriale "di interesse per entrambi gli operatori" e perché implica una paziale adesione della Rai, che di Rai Way ha il 65%.

"A questo punto l'iniziativa passa a Rai che deve decidere se aderire almeno parzialmente all'offerta dando anche un segnale sulla disponibilità a sviluppare sinergie (co-siting, risparmi su alcuni servizi) attivabili anche senza una combinazione dei due asset", nota al riguardo Equita. Per EI Towers l'operazione "mantiene un senso finanziario", ma si riduce quello industriale, col rischio di arrivare a una "situazione non ottimale, sia dal punto di vista delle sinergie che della governance". "Preferiremmo l'avvio di un negoziato per una vera e propria integrazione", conclude il broker. Su questo punto però EI Towers, pur dicendosi disponibile, precisa che non prenderà iniziative.

L'offerta non implica peraltro necessariamente il delisting di Rai Way, previsto nel piano iniziale di integrazione, sottolinea ESN/Banca Akros. Se ad esempio Rai vendesse il 14%, scendendo al 51%, basterebbe l'adesione dei 3/4 delle minorities per arrivare alla soglia del 40%, con un 9% di capitale ancora sul mercato. Diverso il caso in cui aderissero tutti gli azionisti di minoranza (35% del capitale) e Rai vendesse il 14%: EI Towers otterrebbe il 49% spendendo 340 milioni cash, Rai resterebbe con il 51% di Rai Way oltre che con il 3,5% di EI Towers.

(Claudia Cristoferi)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia   Continua...