A2A, no dossier su M&A ma timing è 2015 - Valotti

venerdì 10 aprile 2015 14:37
 

MILANO, 10 aprile (Reuters) - A oggi A2A non ha tavoli ufficiali aperti mirati ad aggregazioni con altre utility in Lombardia; il presidente ha però in mente un modello aggregativo che auspica possa essere condiviso e indica come orizzonte temporale il 2015.

E' quanto ha sostenuto lo stesso presidente della multiutility Giovanni Valotti nella conferenza stampa al termine della presentazione agli analisti del piano strategico al 2019.

Il manager ha sottolineato più volte che "a oggi non c'è nessun tavolo ufficiale aperto con nessuna azienda, quindi nessun dossier; esiste una proposta di modello di aggregazione al quale crediamo molto e che auspichiamo sia condiviso da diverse aziende. Il timing è per il 2015 perchè quest'anno si possono utilizzare gli incentivi".

Relativamente all'ipotesi di un aumento di capitale riservato al Fondo Strategico Italiano (Cdp) al fine di liberare risorse per acquisizioni, Valotti ritiene che "non ci sia una contrarietà da parte dei soci, i comuni di Milano e Brescia, a valutare queste operazioni. Comunque, eventuali aumenti di capitale saranno giustificati dal sostegno ad operazioni industriali".

Per Valotti tuttavia il controllo pubblico dell'azienda non è in discussione. A oggi Milano e Brescia detengono il 50% più due azioni di A2A.

(Giancarlo Navach)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia