PUNTO 2-A2A, in piano investimenti 2,1 mld e raddoppio cedola, prudente su M&A

venerdì 10 aprile 2015 16:42
 

* Dividendo 2015-16 in linea a 3,6 cent, a 7,5 cent in 2019

* Indebitamento scenderà a 2,5 mld a fine piano

* A oggi no dossier aperto con utility e su ipotesi Cdp ok soci

* Titolo guadagna 1,34% in Borsa (Riscrive, aggiunge altri dettagli, dichiarazioni)

di Giancarlo Navach

MILANO, 10 aprile (Reuters) - Forte ridimensionamento della capacità installata nei settori tradizionali di produzione di energia elettrica, in crisi profonda come le centrali termoelettriche che confluiranno in un'unica genco, e focus su ambiente, green economy e distribuzione del gas sul mercato libero.

E' questa la A2A che il presidente Giovanni Valotti e l'AD Luca Valerio Camerano si immaginano al 2020, termine ultimo del piano strategico quinquennale annunciato oggi che prevede investimenti per 2,1 miliardi di euro (+40% rispetto al quinquennio precedente).

Il dividendo, salito del 10% nel 2014 a 3,63 centesimi per azione sarà identico anche nel 2015 e 2016 per raddoppiarsi a 7,5 centesimi a fine piano. Soddisfatti i sindaci dei due comuni principali azionisti Milano e Brescia che, di fatto, vedono invariato il gettito anche a seguito della recente vendita del 5% del capitale per scendere al 50% più due azioni.

L'ebitda è atteso intorno a 1 miliardo quest'anno e a 1,35 miliardi al 2019 (+32%). Il debito a 2,5 miliardi a fine piano.   Continua...