BORSA MILANO apre in lieve ribasso dopo massimi ieri, bene petroliferi

mercoledì 8 aprile 2015 09:26
 

MILANO, 8 aprile (Reuters) - La borsa di Milano apre debole con le altre piazze europee dopo i nuovi massimni segnati ieri, con i titoli legati al settore petrolifero sotto i riflettori dopo l'annuncio della mega-fusione tra Royal Dutch Shell e BG Group.

Ieri l'indice FTSE Mib ha chiuso a un nuovo massimo dell'anno e al livello più alto dal 14 gennaio 2010, secondo i dati di Borsa italiana. L'Allshare ha segnato un livello record dal 3 ottobre 2008.

Alle 9,15 l'indice FTSE Mib perde lo 0,18%, l'Allshare lo 0,15%. L'indice europeo FTSEurofirst è stabile.

In evidenza i titoli petroliferi dopo che Royal Dutch Shell e BG Group hanno raggiunto un accordo di fusione da 47 miliardi di sterline, la prima operazione di fusione nel settore petrolifero nell'ultimo decennio.

ENI sale di oltre l'1%, SAIPEM che potrebbe essere oggetto di cessione mette a segno un rialzo dell'1,5%, dopo un balzo a quasi +3%. TENARIS +1,2%.

Senza spunti i bancari con UNICREDIT e INTESA SANPAOLO contrastati.

TELECOM ITALIA poco mossa in attesa di sviluppi sulla banda larga e del nuovo assetto dell'azionariato che dovrebbe essere evidente alla prossima assemblea del 20 maggio.

  Continua...