Rai Way, improbabile ok Ei Towers a quota minoranza, sì a compromesso -Icbpi

martedì 10 marzo 2015 11:43
 

MILANO, 10 marzo (Reuters) - E' improbabile che Ei Towers accetti una quota di minoranza di Rai Way così come che il governo rinunci al vincolo di controllo sul 51% della società delle torri Rai. I possibili esiti dell'offerta d'acquisto annunciata a fine febbraio sono dunque due: l'abbandono dell'operazione da parte della controllata Mediaset o un accordo di compromesso che verta su precise regole di governance.

E' questa l'idea di Icbpi che ha pubblicato una nota su EI Towers, di cui ha alzato il target price a 56,30 euro da 47,6 e confermato il giudizio "buy".

Intanto i due titoli si prendono una pausa dopo il recente rally e sono entrambi in ribasso, in linea con il mercato .

"L'offerta di Ei Towers su Rai Way accresce la spinta alla fase di M&A che sta caratterizzando il settore torri" e valorizza la controllata Rai, rispetto ai prezzi precedenti l'annuncio, a 4,5 euro per azione, pari a multiplo Ev/Ebitda 2014 di 12,4 volte, scrive il broker.

La creazione di un operatore unico delle torri broadcasting (circa 5.000 postazioni) avrebbe importanti benefici in termini di uso efficiente delle risorse infrastrutturali e aprirebbe interessanti spazi di crescita nel settore telecom, dove molti operatori si concentrano sulle attività core dismettendo, in parte o totalmente, le postazioni di rete mobile, prosegue lo studio citando i casi Wind e Telecom.

In attesa degli approfondimenti dell'Antitrust (entro 15 giorni dall'8 marzo deciderà se aprire un'istruttoria, il probabile approfondimento durerà al massimo 45 giorni, ricorda Icbpi), "non è escluso che si arrivi ad un accordo tra le parti, che porti alla creazione di un operatore unico, con una governance maggiormente condivisa rispetto allo scenario prospettato da Ei Towers, che configura Mediaset come futuro azionista di riferimento (31% rispetto ad una quota Rai del 14,5%)".

Una "soluzione di sistema" che permetterebbe alla Rai di incassare risorse fresche e sprigionerebbe forti sinergie con benefici effetti sulla valutazione del titolo, sottolinea il report. D'altra parte, Icbpi ritene bassa la probabilità che Ei Towers possa accontentarsi di una quota di minoranza di Rai Way (tra il 35% ed il 49%) - che comporterebbe comunque l'impiego di ingenti risorse cash (almeno 300 milioni) - senza alcuna garanzia sul progetto industriale di aggregazione.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia   Continua...