BORSE ASIA-PACIFICO - Indici sotto pressione, dlr a max 12 anni su euro

martedì 10 marzo 2015 08:21
 

INDICE                        ORE  8,15    VAR %    CHIUS. 2014
 ASIA-PAC.                        474,71    -0,77       467,23
 TOKYO                         18.665,11    -0,67    17.450,77
 HONG KONG                     23.936,34    -0,77    23.605,04
 SINGAPORE                      3.406,38     0,05     3.365,15
 TAIWAN                         9.536,53    -0,28     9.307,26
 SEUL                           1.984,77    -0,40     1.915,59
 SHANGHAI COMP                  3.287,10    -0,46     3.234,68
 SYDNEY                         5.824,19     0,05     5.411,02
 MUMBAI                        28.866,12     0,07    27.499,42
 
    
    10 marzo (Reuters) - I mercati asiatici oggi viaggiano per lo più in
territorio negativo, risentendo della pressione per il rischio di aumento dei
tassi di interesse Usa, e con il dollaro ai massimi da 12 anni contro l'euro.
    L'indice principale MSCI della regione, che non include la
borsa di Tokyo, perde lo 0,77% alle 8,15 ora italiana.
    L'indice giapponese Nikkei ha chiuso a -0,7%, sulla notizia che il
Comitato di Basilea potrebbe chiedere alle banche rafforzamenti patrimoniali per
poter fronteggiare eventuali impennate dei tassi di interesse.
    La volatilità del mercato valutario ha eclissato i dati sull'inflazione
cinese, che ha superato le attese salendo a febbraio dell'1,4% su anno, anche se
in buona parte il rialzo è dovuto alla stagionalità dei prezzi degli alimentari.
    I prezzi alla produzione continuano però a scendere, un dato che sottolinea
il progressivo indebolirsi dell'economia cinese.
    SHANGHAI ha chiuso in calo dello 0,5%, zavorrata dai bancari.
    In territorio negativo anche HONG KONG. PRADA perde circa
il 3,6%.
    Chiusure in calo per SEUL e TAIWAN.
    SYDNEY ha chiuso piatta, ritracciando dai guadagni iniziali;
sostanzialmente piatte SINGAPORE e MUMBAI. 
           
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news
anche su www.twitter.com/reuters_italia