PUNTO 1-Atlantia, vendita quota Adr ma solo se prezzo adeguato- AD

venerdì 6 marzo 2015 17:44
 

(Aggiunge dettagli)

ROMA, 6 marzo (Reuters) - Atlantia sta valutando opportunità per cedere una quota di minoranza di Aeroporti di Roma, anche eventualmente con scambi di asset, ma l'operazione si farà solo se ci sarà un prezzo adeguato a riconoscere il valore della società di gestione degli aeroporti romani e non a tutti i costi.

Lo ha detto l'amministratore delegato di Atlantia, Giovanni Castellucci, rispondendo a una domanda di un analista.

"Non è una operazione che facciamo a tutti i costi", ha detto Castellucci, che ha anche negato che ci siano piani per un'analoga cessione di quote di Autostrade per l'Italia, altro braccio operativo di Atlantia a cui fanno capo le attività autostradali in concessione.

Poi, dettagliando gli obiettivi dell'operazione su sollecitazione degli analisti, Castellucci ha anche detto che c'è interesse anche a valutare eventuali scambi di asset aeroportuali, ma che non è un opzione facile.

"Siamo interessati a uno swap, ma non è una opportunità facile. Chi ha asset buoni tende a tenerseli stretti", ha detto Castellucci, che poco prima aveva ribadito che un eventuale compratore dovrà riconoscere il valore della società, considerando che il suo costo del capitale si è ridotto.

Lo scorso 24 febbraio Gilberto Benetton, presidente di Edizione, socio di riferimento di Atlantia che controlla a sua volta AdR, ha detto che la ricerca di un nuovo socio per Aeroporti di Roma potrebbe proseguire oltre il primo semestre.

"Sono i primi approcci, è ancora tutto in alto mare", ha aggiunto Benetton rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano indicazioni sui possibili pretendenti.

A fine gennaio Castellucci aveva detto che l'operazione "si potrebbe chiudere se arriveranno delle offerte che valorizzano adeguatamente l'asset di Fiumicino".   Continua...