Carige attende lettera Bce, poi Cda valuterà ammontare aumento - Castelbarco

venerdì 6 marzo 2015 14:17
 

MILANO, 6 marzo (Reuters) - Banca Carige lascia le porte aperte ad un eventuale incremento dell'ammontare dell'aumento di capitale resosi necessario dopo la bocciatura al comprehensive assessment della Bce, attualmente fissato in 700 milioni, ma prima attende la risposta della Bce sul capital plan per le opportune valutazioni.

"Quando arriverà la lettera della Bce vedremo. Il Cda deciderà al momento opportuno", ha detto a Reuters il presidente dell'istituto ligure, Cesare Calstelbarco, incontrato con l'AD Piero Montani all'uscita dalla sede di Mediobanca, l'istituto che guida il consorzio di garanzia per l'operazione di ricapitalizzazione.

In particolare Castelbarco non ha voluto commentare le indiscrezioni stampa che l'aumento possa essere ritoccato a 800 milioni o fin sotto la soglia dei 900 milioni di euro.

"Non si può ragionare sulle ipotesi", si è limitato a rispondere Castelbarco.

A breve è attesa la risposta della Bce al capital plan presentato dalla banca dopo lo shorfall di 800 milioni circa emerso nei test di fine ottobre e che nell'ambito delle azioni di rafforzamento patrimoniale prevede, oltre all'aumento di capitale, anche alcune cessioni di asset.

L'eventuale decisione di incrementare l'importo della ricapitalizzazione può essere motivata anche per dare spazio all'ingresso di nuovi azionisti dopo l'arrivo della famiglia Malacalza. Inoltre può lasciare aperta la possibilità di mantenere nel perimetro della banca qualche asset, secondo una fonte vicina alla situazione.

Sull'ipotesi di un rafforzamento della compagine azionaria con nuovi soci Castelbarco ha detto: "Uno è già arrivato, vedremo cosa succederà".

Lo stesso Malacalza, pur escludendo categoricamente l'intenzione di superare le soglie dell'Opa non ha escluso l'eventualità di incrementare l'attuale quota del 10,5% e allo stesso tempo ha lasciato le porte aperte all'ingresso di nuovi azionisti nella banca.

  Continua...