Italia, attività servizi ferma a febbraio ma ripartono assunzioni - Pmi

mercoledì 4 marzo 2015 09:48
 

MILANO, 4 marzo (Reuters) - L'attività del settore dei servizi è rimasta al palo in Italia a febbraio, dopo la crescita messa a segno nel mese precedente, a segnalare la perdurante fragilità della domanda interna, nonostante i segnali di ripartenza dell'economia dopo un triennio di recessione.

E' quanto emerge dall'indice Pmi (Purchasing Managers'Index), elaborato da Markit sulla base di un'indagine congiunturale tra i direttori acquisti, che è ha frenato a 50 punti, soglia spartiacque tra crescita e contrazione, da 51,2 di gennaio.

La lettura è inferiore alla mediana delle stime raccolte da Reuters in un sondaggio tra gli economisti, che prospettava una lieve accelerazione della crescita a 51,4.

Il sottoindice delle nuove attività è rimasto in contrazione per il quarto mese consecutivo, ma a un ritmo più contenuto, attestandosi a 49,6 da 48,8 di gennaio.

D'altra parte, le aziende del settore hanno ripreso ad assumere per la prima volta dopo quattro anni e le loro aspettative hanno segnato il miglioramento più consistente da 11 mesi.

L'indice composito, sintesi di manifattura e servizi, segnala una lieve riduzione del ritmo di espansione dell'attività del settore privato, a 51,0 da 51,2 di gennaio. Lunedì l'indagine relativa al settore manifatturiero ha mostrato un ritorno alla crescita dopo cinque mesi.

L'economia italiana dopo un triennio di recessione, dovrebbe tornare alla crescita quest'anno, mettendo a segno nel primo trimestre, secondo Istat, una crescita dello 0,1%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia