Wdf,offerte vincolanti entro metà marzo, verso operazione cash e azioni-fonti

martedì 3 marzo 2015 19:28
 

di Paola Arosio e Elisa Anzolin

MILANO, 3 marzo (Reuters) - Il futuro di World Duty Free si deciderà nei prossimi giorni: è stato infatti fissato a metà marzo il termine per la presentazione delle offerte vincolanti per la società del travel retail. Considerate le somme in gioco, le offerte si vanno configurando come un mix di cash e, in parte minoritaria, di azioni.

La famiglia Benetton, che controlla il 50,1% di Wdf attraverso la holding Edizione, resterebbe quindi con una partecipazione finanziaria nel gruppo che nascerebbe dalla fusione tra l'operatore italiano e un partner estero, creando un campione mondiale nel settore dei duty free.

E' quanto riferiscono due fonti vicine alla situazione, che aggiungono che in gara ci sarebbero la svizzera Dufry e la coreana Lotte Shopping, di cui era già emerso l'interesse nelle scorse settimane . No comment da parte di Dufry.

Secondo una delle fonti, fra i candidati più probabili ci sarebbe anche la cinese Sunrise Duty Free, che opera negli aeroporti di Shanghai e Pechino, partecipata dal private equity Boyu Capital. Sunrise, che nel 2013 ha registrato ricavi per 882 milioni di euro secondo Moodie Report, non ha risposto alla richiesta Reuters di un commento.

Mentre secondo l'altra fonte, interesse è arrivato anche dal Qatar (Qia), che non è nuovo allo shopping in Europa, e che potrebbe allearsi con un fondo di private equity. No comment da parte della Qatar Investment Authority. Una terza fonte cita un'altra società asiatica del settore, la coreana Hotel Shilla che in passato non ha commentato sul dossier.

In posizione più defilata è Lagardere, che pure ha avuto accesso alla data room.

Considerato che oggi WDF è il secondo operatore al mondo, con una quota di mercato del settore retail aeroportuale dell'8% (dati 2014 Verdict Research), dall'operazione di M&A nascerebbe un colosso del settore. Dufry è attualmente il numero uno, con una quota di circa il 14,9% dopo l'acquizione di Nuance lo scorso anno.

Secondo una fonte, il termine per la presentazione delle offerte vincolanti è il 10 marzo marzo, il giorno precedente il consiglio di amministrazione chiamato ad approvare i conti 2014. Anche se l'eventuale scelta di cedere la società passa prima dall'azionista Edizione, assistito dall'advisor Mediobanca , che dal cda Wdf, assistito da Deutsche Bank.   Continua...