Banche, stock crediti deteriorati sfida cruciale per Italia - Ue

giovedì 26 febbraio 2015 11:52
 

ROMA, 26 febbraio (Reuters) - I crediti deteriorati accumulati dalle banche a causa della crisi "rappresentano la sfida cruciale per l'Italia".

Lo scrive la Commissione europea nel Country Report del 2015 sugli squilibri macroeconomici.

"Il tasso di copertura è troppo basso perché si raggiunga una significativa riduzione dei crediti deteriorati in un ragionevole arco di tempo", scrive l'esecutivo comunitario.

"Se il livello di copertura non crescerà in modo significativo, è probabile che la consistenza dei crediti deteriorati continui ad ostacolare l'attività delle banche per un protratto periodo di tempo, contribuendo anche a frenare la ripresa economica".

L'esecutivo sta studiando da settimane un insieme di progetti che rientrano nella definizione di bad bank. Prima di adottare un provvedimento l'Italia deve ottenere il via libera dell'Europa ed essere sicura che la bad bank non violi la normativa europea sugli aiuti di Stato.

La Commissione, analizzando il sistema creditizio italiano, scrive che "procedimenti giudiziari eccessivamente lunghi sono un importante ostacolo al corretto funzionamento del quadro giuridico sui collaterali in Italia".

Non aiuta neppure il mercato dei crediti deteriorati, la cui dimensione "è troppo piccola" in confronto allo stock accumulato dalle banche.

(Giuseppe Fonte)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia