RPT-Rai Way, Governo ha fissato limite minimo 51% per quota Rai

mercoledì 25 febbraio 2015 13:57
 

(elimina refuso)

ROMA, 25 febbraio (Reuters) - Lo scorso anno il governo ha fissato al 51% la quota minima che la Rai deve mantenere nel capitale di Rai Way, oggetto oggi di un'offerta totalitaria da parte di Ei Towers, controllata di Mediaset.

È quanto emerge dal decreto della presidenza del Consiglio (Dpcm) che ha disciplinato lo sbarco in Borsa di Rai Way.

Il decreto 66 del 2014 ha autorizzato la Rai a "procedere alla cessione sul mercato, secondo modalità trasparenti e non discriminatorie, di quote di Rai Way, garantendo la continuità del servizio erogato".

Il Dpcm, nelle considerazioni che precedono l'articolato, riconosce "l'opportunità di mantenere, allo stato, in capo a Rai, a garanzia della continuità del servizio erogato da Rai Way a Rai medesima, una quota di partecipazione sociale nel capitale di Rai Way non inferiore al 51%.

L'articolo 1 precisa che "la premessa è parte integrale e sostanziale del presente decreto".

Ei Towers ha lanciato un'offerta pubblica di acquisto e scambio volontaria sul 100% del capitale di Rai Way a 4,50 euro per azione, in parte in contanti e in parte in azioni.

Rai controlla Rai Way con il 65% del capitale.

L'offerta di Ei Towers è subordinata al raggiungimento del 66,67% di Rai Way, al via libera incondizionato dell'Antitrust e all'autorizzazione alla Rai, da parte del ministero dello Sviluppo economico, "a continuare lo svolgimento delle proprie attività inerenti il servizio pubblico avvalendosi dell'emittente anche successivamente all'acquisizione del controllo della stessa da parte di Ei Towers", spiega una nota.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia