Fiat Chrysler, verso Jobs Act per nuovi assunti a Melfi

martedì 24 febbraio 2015 20:05
 

* Nello stabilimento lucano possibili oltre 1.000 assunzioni

* Produzione Punto confermata in 2015, mercato la chiede-Uilm

* Primo test su riforma lavoro Renzi

* Incontro azienda-sindacati giovedì a Melfi

di Stefano Rebaudo e Francesca Piscioneri

MILANO/ROMA, 24 febbraio (Reuters) - I sindacati si aspettano che Fiat-Chrysler (Fca) mantenga le promesse dell'amministratore delegato Sergio Marchionne e converta a breve le assunzioni interinali nel nuovo contratto a tutele crescenti, previsto dalla riforma del lavoro del governo.

Lo dicono alcune fonti sindacali in vista dell'incontro fissato per giovedì a Melfi con l'azienda, dedicato alla riassegnazione dei turni e alle assunzioni.

Si tratta del primo concreto banco di prova per testare l'efficacia del Jobs Act di Matteo Renzi, la cui parte sui contratti a tutele crescenti entra in vigore dal primo marzo. La riforma, punta di diamante esibita in Europa, ha trovato in Marchionne un convinto supporter.

A metà gennaio, nell'annunciare la fine della cassa integrazione a Melfi, Marchionne ha promesso 1.000 nuovi assunti "nuovi di zecca che senza il Jobs act sarebbero stati assunti come interinali".   Continua...