Saipem, confermata in Appello confisca da 24,5 mln euro e multa da 600.000 euro

giovedì 19 febbraio 2015 15:22
 

MILANO, 19 febbraio (Reuters) - La Corte d'Appello di Milano ha confermato la condanna nei confronti di Saipem a una confisca da 24,5 milioni di euro e a una multa da 600.000 euro nel processo di secondo grado per presunte tangenti in Nigeria, in cui la società del gruppo Eni era imputata per corruzione internazionale.

La somma di 24,5 milioni era già stata messa a disposizione della procura nel 2011 da Snamprogetti, al centro del processo e incorporata nel 2006 da Saipem.

La società al momento non ha commentato.

Nel processo l'accusa sostiene che la ex Snamprogetti pagò una quota degli oltre 180 milioni di dollari di tangenti versate dal consorzio internazionale Tskj a esponenti politici e dirigenti nigeriani dal 1994 al 2004 per assicurarsi appalti sul gas da 6 miliardi di dollari.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia