Rcs, chiusa inchiesta su presunto ammanco, indagata Rcs Sport

martedì 17 febbraio 2015 19:34
 

MILANO, 17 febbraio (Reuters) - La procura di Milano ha chiuso l'inchiesta relativa a Rcs per presunti ammanchi da 11 milioni di euro nella controllata Rcs Sport, specializzata nell'organizzazione di eventi sportivi.

Lo riferiscono fonti giudiziarie, precisando che tra gli indagati - oltre a 10 persone fisiche - figura anche la stessa Rcs Sport in base alla legge 231 sulla responsabilità delle società per i reati eventualmente commessi dai propri dirigenti nell'interesse aziendale.

Rcs, contattata da Reuters, non ha fatto commenti.

Tra le ipotesi di reato contestate a vario titolo agli indagati, spiegano le fonti, figura la truffa aggravata.

La chiusura inchiesta è l'atto che conclude la fase delle indagini preliminari e solitamente è l'atto prodromico alla richiesta di rinvio a giudizio da parte della procura.

L'inchiesta era partita nel novembre 2013, dopo la presentazione di due esposti, uno da parte dell'Ordine dei giornalisti di Roma e uno dalla stessa Rcs.

Nell'ottobre 2013, Rcs - che nella vicenda si è sempre considerata parte lesa - aveva aperto un'indagine interna a Rcs Sport su transazioni bancarie sospette, che portò alla sospensione di alcuni manager.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia