Saipem corre dopo conti 2014, piace debito meglio di stime

martedì 17 febbraio 2015 09:35
 

MILANO, 17 febbraio (Reuters) - Avvio di seduta in deciso rialzo per Saipem, sebbene i conti del quarto trimestre abbiano deluso le attese.

Attorno alle 9,30, infatti, il titolo del gruppo energetico balza del 3,83%, a 9,0750 euro, dopo aver segnato un massimo di 9,22 euro. Intensi i volumi: sono passati di mano circa 4 milioni di pezzi, contro una media dell'intera seduta di 9,7 milioni circa negli ultimi trenta giorni.

Ieri, Saipem ha reso noto di aver chiuso il 2014 con una perdita di 230 milioni a causa delle svalutazioni.

SocGen, Raymond James e Natixis hanno reagito ai risultati allineando i target price attorno agli 8 euro.

Ma il mercato, dicono i trader, apprezza la sorpresa positiva sul fronte del debito.

I risultati del quarto trimestre, scrive Icbpi, sono "più deboli delle attese a causa di svalutazioni di asset e riduzione delle pending revenues sui contratti legacy... Robusta la raccolta ordini, a 18 miliardi di euro nel 2014". Icbpi si posiziona "sulla parte alta delle guidance rilasciate da Saipem (così come il consensus)".

Equita Sim pone l'accento sull'incertezza della guidance 2015, che "dipende da South Stream". Secondo il broker, "il range di Ebit potrebbe essere peggiore o migliore a seconda dell'evoluzione del quadro settoriale. Nessun piano di aumento di capitale, e focus rimane su riduzione organica del debito. Abbiamo ridotto le nostre stime di eps 2015/16 del 34 e del 21%, rispettivamente, per riflettere la nuova guidance (nella parte bassa). Riteniamo che il fattore più critico dei risultati sia stato il debito netto, significativamente migliore delle nostre stime e del consensus".

Equita ha ridotto il target price, ma a un livello superiore alle attuali quotazioni: 10,7 euro (13,2 euro il precedente).

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia