Fininvest, thailandese Taechaubol conferma offerta per Milan - stampa

lunedì 16 febbraio 2015 13:14
 

MILANO/BANGKOK, 16 febbraio (Reuters) - L'uomo d'affari thailandese Bee Taechaubol avrebbe confermato di aver presentato un'offerta per rilevare una quota di controllo del Milan dalla famiglia Berlusconi, secondo quanto scrive oggi il Bangkok Post.

Da tempo si susseguono indiscrezioni stampa sulla possibile cessione, totale o parziale, della squadra di calcio controllata da Fininvest. Nel fine settimana La Repubblica ha scritto di un preaccordo già firmato per la vendita a Teachaubol di un iniziale 30% del capitale per 300 milioni di euro, con l'obiettivo di arrivare alla totale cessione nel giro di qualche anno per un miliardo di euro. Il quotidiano ha rilanciato anche il nome del gruppo cinese Wanda come altro potenziale acquirente dopo il recente investimento in Infront.

Secondo il Bangkok Post, Bee Taechaubol, direttore esecutivo del gruppo di private equity Thai Prime e azionista della Global Legend Series, ha detto di volere almeno il 50% della squadra milanese ma di non essere interessato al pieno controllo. L'offerta avrebbe un valore di un miliardo di euro.

Fininvest ha detto sabato che "da parte di vari soggetti è stato mostrato interesse per partnership relative al Milan" ma ha smentito "categoricamente che esistano colloqui di qualche concretezza e tantomeno preaccordi scritti o 'incontri decisivi' in agenda". La holding ha più volte smentito in passato l'ipotesi di una cessione del controllo del Milan; il 21 gennaio scorso lo stesso Silvio Berlusconi ha detto che la squadra non è in vendita.

Fininvest ha da poco fatto cassa vendendo per 377 milioni quasi l'8% di Mediaset, di cui è rimasta azionista di riferimento con il 33,4% del capitale. Alcuni analisti hanno ipotizzato che tale liquidità possa essere indirizzata verso la costruzione dello stadio del Milan, oppure per sostenere Mondadori in un'eventuale acquisizione di Rcs Libri. .

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia