Frode fiscale, ancora nessun indagato in inchiesta su polizze Credit Suisse

venerdì 13 febbraio 2015 16:09
 

MILANO, 13 febbraio (Reuters) - E' ancora senza indagati il fascicolo aperto dalla procura di Milano su una presunta frode fiscale attuata con un sistema di polizze assicurative della succursale di una società del gruppo Credit Suisse.

Lo conferma una fonte giudiziaria, dopo che oggi il Corriere della Sera ha scritto oggi che 351 persone - che gli investigatori ipotizzano avrebbero occultato un miliardo di euro - sono già state identificate dalle Fiamme gialle.

Nel dicembre scorso, gli uffici milanesi di Credit Suisse sono stati perquisiti dalla Guardia di Finanza nell'ambito dell'inchiesta, che ipotizza i reati di frode fiscale, ostacolo all'attività di vigilanza, riciclaggio e abusivismo finanziario.

La frode riguarderebbe complessivamente circa mille persone per una stima di otto miliardi di euro.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia