Eni, prezzo petrolio stabile prossimi mesi, nessun problema per forniture gas - Ad

giovedì 30 ottobre 2014 13:30
 

MILANO, 30 ottobre (Reuters) - Il prezzo del petrolio dovrebbe restare stabile nei prossimi mesi - oggi il brent è intorno agli 87 dollari al barile -, mentre l'Italia può stare tranquilla in vista dell'inverno nel caso di un calo delle forniture dalla Russia.

A dirlo è l'AD di Eni, Claudio Descalzi, intervistato dal GR1.

Il manager, nel commentare i risultati del trimestre resi noti oggi in crescita del 2,5% a livello di utile netto adjusted a 1,17 miliardi di euro, dice che "sono molto positivi e hanno sorpreso il mercato. Il risultato netto è superiore del 30% rispetto alle attese ed è espressione dell'impegno nella rinegoziazione dei contratti gas con Statoli, con la Russia e con l'Algeria".

Riferendosi al prezzo del petrolio, "pensiamo che per i prossimi mesi il prezzo sarà stabile", ha aggiunto.

Quanto all'eventualità di problemi alle fornitura nel caso in cui dalla Russia dovesse arrivare meno gas con l'inverno alle porte, il numero uno di Eni sottolinea che "in Italia da tempo si è diversificato nell'approvvigionamento: non dipendiamo più solo dalla Russia, ci sono i rigassificatori, c'è una buona connessione con il Nordafrica. Anche in caso si crisi con la Russia l'Italia può essere tranquilla", ha concluso.

(Giancarlo Navach)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia