Fca, peggioramento economie mette a rischio target America Latina

martedì 28 ottobre 2014 19:28
 

MILANO, 28 ottobre (Reuters) - Fiat Chrysler Automobiles (Fca) spera di aumentare le vendite di veicoli in America Latina del 44% al 2018, ma il peggioramento delle prospettive sull'economia dell'area mette a rischio le sue ambizioni.

L'America Latina nel 2012 ha rappresentato circa un terzo dei profitti del gruppo, mentre nei primi sei mesi del 2014 la quota si è ridotta all'1%, a causa del raffreddamento dell'economia.

"Il mercato brasiliano soffre per un aumento dei prezzi e per la mancanza di credito", dice Stephanie Brinley, analista di Ihs Automotive. "Non vedo un miglioramento a breve".

Ihs fornisce i dati anche a Fca, che li utilizza nelle previsioni sui mercati, contenuti nel piano industriale.

Il piano Fca, annunciato a maggio 2014, indicava per l'America Latina, al 2018, vendite di auto e veicoli commerciali nel complesso a quota 6,9 milioni. IHS a settembre ha rivisto al ribasso le previsioni del settore al 2018 a 5,7 milioni. La società di ricerca dovrebbe rivedere ancora i numeri a breve, entro fine anno.

Ihs prevede anche un calo della quota di mercato di Fca in Sudamerica da poco meno del 15% circa per il 2014, in termini di auto e veicoli commerciali, al 13,4% del 2018.

Mentre il deterioramento delle prospettive in America Latina ha portato Ford a tagliare le previsioni, l'AD Fca, Sergio Marchionne, insiste sul fatto che la posizione del gruppo in Brasile gli dà un vantaggio nei confronti dei concorrenti.

Fca è riuscita a mantenere la quota di mercato in Brasile quest'anno - a differenza di Volkswagen e GM - compensando parzialmente il calo di vendita delle auto con un aumento dei veicoli commerciali, secondo i dati Anfavea.

Fca ha fatto anche affidamento sulle vendite di veicoli commerciali aziendali, che potrebbero deprimere i margini andando avanti.   Continua...