Nigeria, attacchi e rapimenti bande pirati, colpita anche Eni

lunedì 27 ottobre 2014 13:07
 

YENAGOA, Nigeria, 27 ottobre (Reuters) - Da giovedì scorso la regione del Delta del Niger, la zona della Nigeria dove è concentrata la principale produzione di petrolio, è al centro di una serie di attacchi di bande di pirati, con l'uccisione di tre poliziotti e il rapimento di almeno nove persone, hanno riferito funzionari della sicurezza nigeriana.

La maggior parte delle persone rapite sono lavoratori locali.

Il fenomeno della pirateria nella zona è di nuovo in aumento, dopo un breve periodo di pausa, in controtendenza con altre aree del mondo.

Nell'ultimo attacco in ordine di tempo, un gruppo di uomini armati su un'imbarcazione ha aperto il fuoco contro la polizia che scortava una chiatta dell'Eni lungo il fiume Santa Barbara River, uccidendo tre agenti.

"I pirati hanno attaccato e ucciso tre dei nostri uomini. Stavano scortando una chiatta dell'Agip, quando sono stati attaccati. Abbiamo ricuperato i loro corpi e la corvetta", ha detto a Reuters il capo della polizia dello stato di Bayelsa Valentine Ntomchukwu.

Una fonte della sicurezza ha detto che anche il timoniere della corvetta è stato rapito. Per il momento non è stato possibile avere un commento da parte di Eni.

Venerdì scorso, un gruppo di uomini armati aveva attaccato una barca prendendo in ostaggio dei dipendenti di una società petrolifera locale nella zona di Nembe. Giovedì invece sette pirati su un motoscafo hanno abbordato una nave adibita al rifornimento.

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia