Eurogruppo, Francia vista sotto pressione per rinvio rientro deficit

venerdì 12 settembre 2014 09:21
 

* Germania, altri paesi irritati da mancato rispetto Francia regole budget

* Ministri Europa, Bce discuteranno legame tra politiche di bilancio, monetarie e crescita

* Ministri discuteranno di misurazione impatto riforme strutturali

di Jan Strupczewski e Martin Santa

MILANO, 12 settembre (Reuters) - La Francia sarà messa sotto pressione dai suoi partner europei che le chiederanno di fare di più per mantenere le sue promesse sul budget. Lo riferiscono fonti diplomatiche, dopo che Parigi lo scorso mercoledì ha annunciato che rinvierà i tagli al deficit di altri due anni.

I ministri delle Finanze della zona euro si incontrano oggi a Milano, e fra le priorità dell'agenda saranno le regole di bilancio della Ue, che limitano i deficit pubblici e stabiliscono scadenze per il loro rientro nei parametri, secondo alcuni funzionari governativi.

Parigi avrebbe dovuto portare il suo deficit sotto il tetto del 3% del Pil il prossimo anno, dopo sei anni consecutivi di non rispetto del limite. Ha mancato la scadenza del 2013 e ottenuto una proroga di due anni, fino al 2015, dai ministri delle finanze Ue.

Mercoledì 10 il ministro delle Finanze francese Michel Sapin ha detto che il paese porterà il deficit il 3% solo nel 2017 e che quest'anno il parametro salirà.

"Sarei sorpreso se paesi che devono fare uno sforzo per rispettare gli impegni non mettessero in discussione le parole di Sapin", dice un alto funzionario della zona euro. "Penso che i paesi che hanno fatto riforme si aspettino che Francia e Italia facciano lo stesso".   Continua...