PUNTO 2-Visco chiede ampia azione governi Ue su investimenti

giovedì 11 settembre 2014 17:22
 

* Debolezza domanda è cuore problema scarsa crescita Ue

* Servono investimenti pubblici, privati, nazionali, europei

* In netto calo aspettative su inflazione medio termine

* Politica monetaria può intraprendere ulteriori azioni (aggiunge altre dichiarazioni Visco)

di Giselda Vagnoni e Giulio Piovaccari

ROMA/MILANO, 11 settembre (Reuters) - Per rilanciare l'economia e considerato il marcato calo dell'inflazione la Banca centrale europea ha ulteriori carte da giocare ma serve una più ampia azione di politica economica incentrata sulla domanda.

Lo ha detto il governatore della Banca d'Italia e membro del consiglio Bce Ignazio Visco sottolineando come la presidenza italiana dell'Unione europea abbia posto il rilancio degli investimenti "in cima alla propria agenda".

"La deludente performance economica dell'Unione europea va oltre precedenti esperienze. Al cuore del problema la debolezza della domanda aggregata, in particolare degli investimenti", si legge nel discorso preparato da Visco per l'Eurofi Financial Forum 2014 di Milano.

"Il ritorno a una crescita sostenuta ed equilibrata richiede una più ampia azione di politica economica incentrata sugli investimenti, privati e pubblici, nazionali ed europei che faccia da ponte tra la domanda di oggi e l'offerta di domani".   Continua...