Borsa Milano prosegue piatta, giù Eni, spunti su Tenaris e Mediaset

giovedì 11 settembre 2014 12:16
 

MILANO, 11 settembre (Reuters) - Piazza Affari è in lieve ribasso, in linea con gli altri mercati europei in una seduta che al momento non sembra evidenziare spunti particolari. A tenere banco sui mercati i timori che la Scozia possa dichiarare l'indipendenza dalla Gran Bretagna.

Intorno alle 12,20, l'indice FTSE Mib è invariato, così come l'Allshare. Il paniere benchmark europeo FTSEurofirst segna un rialzo dello 0,11%. Volumi pari a poco più di 1 miliardo di euro.

Ben raccolte le banche, bene FIAT che sale dell'1,3% il giorno dopo il divorzio fra il presidente Luca Cordero di Montezemolo e la Ferrari.

L'unico verso spunto di giornata riguarda ENI in calo dell'1% circa con volumi, penalizzata dall'annuncio che l'AD Claudio Descalzi è indagato dalla procura di Milano per l'ipotesi di reato di corruzione internazionale di politici e burocrati in Nigeria. "Il titolo risente di questa notizia e nel dubbio si vende", osserva un trader. Debole anche la controllata SAIPEM che cede lo 0,6%.

In un report Banca Akros ritiene che "nel caso di un eventuale patteggiamento l'impatto potenziale negativo su Eni possa essere intorno ai 500 milioni di euro o l'1% circa della capitalizzazione di mercato. Crediamo che Eni sia innocente fino a prova contraria e, anche alla luce dell'impatto limitato, che la transazione potrebbe comportare, manteniamo il buy sul titolo".

Bene ENEL (+0,76%) sulla scia di alcuni upgrade di broker con revisione del prezzo obiettivo.

Denaro anche su TENARIS che balza del 2% circa dopo che Morgan Stanley ha promosso il titolo a Overweight.

Oggi rimbalza MEDIASET (+1,7%) dopo il calo di ieri, al centro di indiscrezioni sull'ipotesi di una newco per veicolare sulla piattaforma Iptv di TELECOM ITALIA (-0,44%) i contenuti di Mediaset Premium.

Fra i minori, svetta il balzo di RISANAMENTO in cesrcita del 10,6%.   Continua...