Ferrari non sarà integrata con Fiat - Marchionne

mercoledì 10 settembre 2014 15:19
 

MARANELLO, 10 settembre (Reuters) - Le attività di Ferrari non saranno integrate in quelle del gruppo Fiat dopo il cambio alla presidenza. E il marchio rimarrà autonomo senza entrare a far parte di un polo del lusso con Alfa e Maserati.

A dirlo è l'AD di Fiat Sergio Marchione, che dal prossimo 13 ottobre diventerà anche presidente di Ferrari al posto di Luca Cordero di Montezemolo.

"Non c'è nessuna intenzione di integrare le operazioni di Ferrari con quelle di Fiat" ha detto nel corso di una conferenza stampa congiunta con Montezemolo.

In tema di Ipo della Ferrari, Marchionne ha poi spiegato che al momento non vi è alcun piano.

Per quanto riguarda l'attuale tetto produttivo di 7.000 vetture l'anno il futuro presidente ha spiegato che vi sarà un aumento graduale per mantenere l'esclusività del marchio.

Dopo le parole di Marchionne il titolo in borsa ha progressivamente limato il suo rialzo sino a dimezzarlo rispetto ai massimi odierni. Alle 15,15 Fiat sale dall'1,43% dopo aver sfiorato il +3%.

(Stefano Rebaudo)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia