As Roma, Comune dichiara nuovo stadio opera di interesse pubblico

venerdì 5 settembre 2014 10:30
 

ROMA, 5 settembre (Reuters) - Il Campidoglio ha dato il via libera alla realizzazione del nuovo stadio della AS Roma , riconoscendolo come "opera di interesse pubblico", dopo aver raggiunto con la proprietà l'accordo su una clausola rescissoria del valore di 160 milioni di euro.

La decisione della giunta comunale è arrivata ieri sera. Secondo il Campidoglio, "il proponente deve realizzare 195,25 milioni di euro di opere di interesse pubblico, su un totale di 320 milioni di interventi di interesse generale, che saranno al servizio di tutto il quadrante e non solo dello stadio", dice un comunicato diffuso ieri sera dal Comune.

Cinquanta milioni di euro serviranno per il prolungamento della metropolitana, circa 130 milioni per interventi di viabilità nella zona. Cinque milioni serviranno per evitare rischi idrogeologici, dato che lo stadio sorgerà in prossimità del Tevere.

L'accordo prevede anche la realizzazione di un parco sul Fiume di 34 ettari.

Lo stadio resterà in uso permanente al club giallorosso per 30 anni almeno, ma la proprietà sarà della As Roma spv Llc, la società statunitense che fa capo al presidente James Pallotta e che tramite la holding Neep Roma possiede la squadra.

Proprio la questione della proprietà ha creato polemiche e tensioni nei mesi scorsi, anche dentro la maggioranza di centrosinistra che governa Roma. Alla fine, per dare il via libera, il Comune "ha richiesto che l'accordo che regolerà il rapporto tra proponente e società sportiva sia indissolubile, pena la decadenza dei benefici della legge e la corresponsione per intero degli oneri previsti dalla normativa nazionale e locale".

"A ulteriore garanzia del rapporto tra proponente e As Roma - dice ancora la nota del Comune - è previsto il diritto di prelazione della società sportiva, in caso di vendita degli impianti. Inoltre la A.S. Roma stipulerà con la società proprietà dello stadio una joint venture per la gestione degli utili".

Secondo Pallotta e il sindaco di Roma Ignazio Marino, l'investimento complessivo sarà di 1,2 miliardi di euro, tra impianto sportivo - da 52.000 posti - e strutture commerciali realizzate nell'area che oggi ospita l'ex ippodromo di Tor di Valle.

L'intervento dovrebbe creare 3.000 posti di lavoro in fase di costruzione e altrettanti dopo l'apertura dell'impianto, prevista, secondo quanto annunciato nei mesi scorsi da Pallotta, per la stagione calcistica 2016-2017.   Continua...