Borsa Milano euforica dopo Bce, forti Intesa e Unicredit, balzo Mediaset

giovedì 4 settembre 2014 17:49
 

MILANO, 4 settembre (Reuters) - Le borse festeggiano il taglio dei tassi inatteso deciso dalla Bce e il lancio di un programma di acquisto di cartolarizzazioni (Abs) e di covered bond a ottobre. Euforico il mercato azionario italiano: oggi Piazza Affari si distingue per il migliore andamento a livello europeo, grazie al traino delle banche e del nuovo calo dello spread fra i titoli di stato italiani e tedeschi sotto 140 punti ai minimi da inizio giugno.

"Il taglio non era prevedibile e unito all'annuncio del prossimo acquisto di abs e covered bond sono notizie molto positive per i mercati", osserva un trader.

L'indice FTSE Mib chiude in salita del 2,82% e l'AllShare del 2,67%, entrambi a un passo dai massimi di seduta. L'indice europeo FTSEurofirts sale dell'1,12%. Volumi intorno a 4,5 miliardi di euro.

In gran spolvero i bancari i primi a risentire in positivo del del restringimento dello spread: i big UNICREDIT e INTESA SANPAOLO salgono rispettivamente del 5,09% e del 5,58%. Rialzi superiori al 4% anche per le popolari, con il BANCO POPOLARE che sale del 4,4% ed MPS del 4,66%.

Bene anche il settore dell'energia, in particolare ENEL che guadagna il 2,61%. Oggi l'AD, Francesco Starace, ha detto che Enel deciderà entro l'anno le modalità con cui rendere più appetibile il titolo della controllata spagnola Endesa e pagherà nel 2014 il dividendo straordinario legato alla cessione delle attività in Sud America.

ENI cresce dell'1,87%, mentre nel comparto trascurata solo SAIPEM che cede lo 0,45%.

FIAT guadagna l'1,39% in scia del rialzo di ieri sui dati sulle immatricolazioni di auto negli Usa. I numeri di oggi sul recesso ribadiscono quelli diffusi a fine agosto che indicano richieste inferiori ai 500 milioni. Fiat a fine agosto ha detto che il processo di opposizione dei creditori, che hanno tempo fine a inizio del mese prossimo, non avrebbe impedito il completamento della fusione intorno alla metà del mese di ottobre.

MEDIASET balza del 5,6% dopo che la stampa è tornata a parlare dell'ipotesi di fusione con Telecom Italia. In ogni caso si dovrebbe cominciare a parlarne dopo l'operazione Vivendi in Brasile, dice il Sole. L'acquisizione si prevede sarà finalizzata a metà 2015.

In ordine sparso i titoli del lusso, con MONCLER che sale dell'1,08%, FERRAGAMO sale dell'1,47%. Al paolo TOD'S, invariata.   Continua...