PUNTO 1-Eurobond auspicabili per AD Commerzbank, Berlino ribadisce no

mercoledì 3 settembre 2014 14:38
 

(cambia titolo e attacco, aggiunge replica portavoce governo)

BERLINO, 3 settembre (Reuters) - L'AD di Commerzbank , seconda banca tedesca, si schiera pubblicamente a favore degli eurobond in un articolo pubblicato su un quotidiano tedesco. Berlino ribadisce però che il tema di emissioni congiunte per i Paesi della zona euro non è in discussione.

"L'introduzione di bond sovrani europei di questo tipo renderebbe permanentemente l'euro una moneta importante nel mondo, garantendo così la rilevanza e la competitvità dell'Europa", argomenta sulle pagine del giornale economico 'Handelsblatt' il banchiere tedesco Martin Blessing.

Berlino però resta ferma sulla sua posizione. "Per noi l'emissione di eurobond non è un tema in discussione, la posizione di base del governo tedesco non è cambiata in nessun modo", ha dichiarato il portavoce Steffen Seibert nel corso di una conferenza stampa.

AD COMMERZBANK: DEBITO COMUNE ESISTE GIA'

La cancelliera tedesca Angela Merkel è da sempre contraria agli eurobond, ritenendo necessaria prima una maggiore unione politica ed economica dell'Europa.

Blessing è però convinto che la risposta Bce alla crisi del debito della zona euro e i bond emessi sulla base dello schema di salvataggio dei paesi in difficoltà (l'Esm -European Stability Mechanism) mostrano che esiste già un debito comune e che "gli eurobond sono già stati virtualmente introdotti dalla porta di servizio".

Oltre che attrarre gli investitori, secondo Blessing un quadro legalmente vincolante per questi strumenti avrebbe il vantaggio di dare agli stati membri "forti incentivi per una disciplina di bilancio".   Continua...