Crisi Ucraina, Ue propone divieto di prestiti a società statali russe

martedì 2 settembre 2014 14:07
 

BRUXELLES, 2 settembre (Reuters) - La Commissione Ue sta valutando di ampliare il divieto di ottenere prestiti o raccogliere capitale in Europa a tutte le società russe a controllo statale e non solo alle banche e di vietare l'ingresso in Ue al ministro della Difesa russo Sergei Shoigu.

Lo hanno detto diplomatici Ue riferendosi alle proposte circolate in occasione di una riunione degli ambasciatori della Unione Europea oggi a Bruxelles.

La Commissione deve mettere a punto entro domani la bozza finale delle nuove sanzioni imposte a Mosca in seguito all'invasione dell'Ucraina e i governi dell'Unione dovranno prendere una decisione sull'ultima versione del documento entro venerdì.

Il pacchetto delle nuove sanzioni Ue potrebbe essere coordinato con altri paesi del G7, Stati Uniti, Canada e Giappone. Non è stata invece discussa la possibilità di estromettere la Russia dal sistema di transazioni bancarie internazionale SWIFT perchè tale misura viene considerata troppo radicale.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Crisi Ucraina, Ue propone divieto di prestiti a società statali russe | Notizie | Società Estere | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    20,262.70
    -0.33%
  • FTSE Italia All-Share Index
    22,333.67
    -0.36%
  • Euronext 100
    975.12
    +0.09%