RES PUBLICA-Renzi non smuove fiducia consumatori ma contesto esterno aiuta

giovedì 28 agosto 2014 10:49
 

di Paolo Biondi

RIMINI, 28 agosto (Reuters) - L'Istat ci ha informato questa mattina che le vendite al dettaglio di giugno non si sono mosse, malgrado il bonus da 80 euro.

Insomma, "San Matteo non ha fatto il miracolo", come scrive Mario Deaglio sulla Stampa, e il presidente del Consiglio non ha smosso la fiducia dei consumatori. Colpe sue, dice Deaglio, ma anche di chi "continua a credere che la ripresa deve scendere dall'alto". L'editorialista esorta le famiglie ad avere "il coraggio di compiere piccole scelte" e le imprese a "varare piani che restino nell'ambito della normale attività".

Di risuscitare tale "coraggio" dovrà essere capace Renzi, suscitando fiducia nella difficile ripresa autunnale. Tenendo conto che il contesto internazionale resta per lui positivo.

Lo spread è a livelli pre crisi 2011 e ieri il rendimento del Btp decennale, in termini nominali - cioè al netto dell'inflazione che, se calcolata, ribalterebbe il dato -, ha sorpassato al ribasso quello del Treasury Usa tanto da far scrivere a Vittorio Carlini sul Sole 24 Ore che c'è un "effetto Draghi più forte dei dati macro".

Si tratta di forza inerziale che va sfruttata, incrementandola con un cammino di riforme, come ha detto il presidente della Bce a Jackson Hole.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia