Alitalia/Etihad, Commissione Ue ha chiesto supervisione operazione

mercoledì 27 agosto 2014 18:03
 

BRUXELLES, 27 agosto - La Commissione Ue eserciterà il potere di valutare la fusione fra le due compagnie aeree Alitalia/Etihad, aggiungendo la propria valutazione a quella che le normative delegano al paese coinvolto nell'operazione.

Lo ha detto a Reuters Helen Kearns, portavoce del commissario Ue ai trasporti, Siim Kallas.

"In base al regolamento 1008/2008 spetta all'Italia, paese che ha rilasciato la licenza, il controllo sul rispetto delle norme che impediscono a società extraUe di aver il controllo di vettori europei. La Commissione può richiedere il fascicolo per fare una propria valutazione e nel caso di Alitalia/Etihad lo ha fatto e sta cooperando con le autorità italiane", ha detto la portavoce.

Ieri, intanto Etihad ha comunicato alle autorità svizzere di voler modificare gli accordi per l'acquisto del 66% di Darwin Airline, compagnia entrata a far parte del gruppo Etihad. In una nota ha fatto sapere che non andrà oltre il 33% per rispondere alle contestazione dell'ufficio federale per l'aviazione civile.

La Svizzera ha dato tempo fino al 30 settembre ai vertici di Etihad per rientrare nella norma, rispettando le norme sul controllo delle società aeree.

L'AD di Alitalia Gabriele del Torchio e di Etihad, James Hogan, l'8 agosto, hanno sottoscritto un'intesa che prevede l'ingresso del vettore arabo in Alitalia con il 49%. L'intesa è sottoposta al via libera di Bruxelles.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia