Mps debole su taglio target Exane, vede rosso 950 mln in 2014

giovedì 21 agosto 2014 12:25
 

MILANO, 21 agosto (Reuters) - Seduta in controtendenza a Piazza Affari per Banca Monte dei Paschi di Siena.

Attorno alle 12,25, infatti, il titolo dell'istituto senese cede lo 0,09%, a 1,0530 euro, dopo aver segnato un minimo di 1,0360 euro.

Mps è disallineata rispetto all'indice FTSE Mib, che guadagna l'1,4% circa, e al settore in Italia (il paniere avanza del 2% circa).

Secondo quanto riferiscono due trader, la sofferenza del titolo della banca guidata da Fabrizio Viola dipende da un downgrade varato da Exane Bnp Paribas.

In un report, datato 20 agosto, il broker riduce il target price a 1,25 da 1,35 euro, confermando il rating neutral.

Exane taglia le previsioni sui risultati 2014 alla luce del secondo trimestre. E scrive di considerare una posta di 500 milioni legata all'Aqr.

Di conseguenza, secondo la banca d'affari, Mps chiuderà l'anno con una perdita di 950 milioni, tornerà all'utile (ma solo per 60 milioni) l'anno prossimo e vedrà risultati inferiori alle stime precedenti anche nei due anni successivi. In particolare, Exane prevede un utile netto di 725 milioni nel 2017, inferiore rispetto al target del business plan (900 milioni).

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia