PORTAFOGLI-Più opportunità su borse periferia che su Btp,Bonos-capo strategia Unicredit

lunedì 23 giugno 2014 11:46
 

* Clienti private continuano a privilegiare investimenti in bond

* Normalizzazione politica Bce non prima di 2017-2018

* Con riforme più margini da Ue su politica economica periferia

di Maria Pia Quaglia

GINEVRA, 23 giugno (Reuters) - Meglio puntare sulle piazze azionarie dei paesi periferici piuttosto che su Bonos e Btp: il margine di apprezzamento relativo è maggiore. Il profilo di rischio-rendimento dell'Italia, in particolare, appare più attraente di quello spagnolo.

L'indicazione arriva dalla responsabile della strategia di investimento globale di Unicredit in occasione del Reuters Wealth Management Summit di Ginevra.

"Dopo la vittoria del partito del premier Matteo Renzi alle elezioni europee, in Italia ci sono tutte le condizioni per fare le riforme necessarie a rilanciare la crescita", dice Manuela D'Onofrio, un passato in JP Morgan Asset Management come capo delle gestioni in Italia.

Per D'Onofrio, che ha creato la divisione di Private Banking della Banca Popolare di Milano, l'agenda delle riforme in Italia dovrebbe vedere al primo posto interventi su flessibilità e costo del lavoro, l'efficienza del sistema giudiziario e l'evasione fiscale, in particolare dell'Iva.

Il portafoglio azionario Europa del gruppo, rispetto all'anno scorso quando era concentrato su titoli di società con elevate prospettive di crescita, è stato ribilanciato con azioni di aziende generose con i propri soci.   Continua...