Contratto Fiat, sindacati firmatari accordo decidono blocco straordinari

lunedì 16 giugno 2014 19:01
 

TORINO, 16 giugno (Reuters) - I sindacati firmatari degli accordi Fiat (esclusa la Fiom) hanno deciso oggi il blocco degli straordinari. La decisione e' conseguente alla rottura delle trattative, martedì scorso, per il rinnovo del contratto di lavoro degli oltre 80.000 dipendenti degli stabilimenti italiani del gruppo Fiat e Cnh Industrial.

La discussione si e' bloccata sull'ammontare dell'una tantum per il 2014, che l'azienda proponeva a 250 euro mentre i sindacati volevano 300 euro.

In una nota, le segreterie nazionali Fim, Uilm, Ugl, Fismic e Ass. Quadri "ritengono che le proposte di mediazione da noi adottate hanno forti elementi di responsabilità" e invitano l'azienda a riconvocare la trattative "già nel corso di questa settimana, evitando così il determinarsi di una situazione di conflitto, con il blocco dello straordinario e delle flessibilità contestualmente deciso dalla data odierna per tutti gli stabilimenti del gruppo FCA e CNHI".

Intanto oggi si e' svolto anche uno sciopero di un'ora indetto dalla Fiom nello stabilimento Maserati di Grugliasco.

"All'iniziativa hanno partecipato centinaia di lavoratori non solo iscritti alla Fiom-Cgil con punte di adesione allo sciopero superiori al 30% in alcuni reparti", dice una nota Fiom.

In una nota la Fiat, che parla di adesioni dell'11% dei lavoratori, giudica lo sciopero "incomprensibile".

"Nonostante si tratti di una percentuale piuttosto bassa l'adesione di più di 200 lavoratori allo sciopero appare assolutamente incomprensibile. In un momento come questo dell'economia italiana dove la disoccupazione ha raggiunto punte senza precedenti, scioperare in un impianto che sta creando posti e opportunità di costruire prodotti di alta qualità che per oltre il 90% vengono esportati, è assolutamente irrazionale", dice la nota aziendale.

(Gianni Montani)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia (Reporting By Gianni Montani)