Mps, presidente Fondazione si augura crescita patto sindacato

venerdì 13 giugno 2014 16:34
 

SIENA, 13 giugno (Reuters) - La presidente uscente della Fondazione Mps si augura che il patto di sindacato tra l'ente e i nuovi soci della banca senese che oggi raggruppa il 9% del capitale, possa crescere.

"Noi ci auguriamo la crescita del patto", ha detto Antonella Mansi nel corso della presentazione a Siena del bilancio dell'ente chiuso in positivo dopo tre disavanzi consecutivi.

Fondazione ha ora una quota del 2,5% dopo aver venduto a Btg Pactual e Fintech rispettivamente il 2% e il 4,5% ora vincolati a un accordo parasociale.

A chi le chiedeva se il patto potrà crescere ed ampliarsi dopo l'aumento di capitale, la Mansi ha risposto dicendo che "non abbiamo la risposta in mano, noi ci siamo posti come polo aggregante e ci auguriamo una crescita del patto. E' uno degli obiettivi qualificanti che accompagnano la sua costruzione".

La Mansi, che ha annunciato di non volersi ricandidare nonostante le pressioni per restare, lascerà la presidenza alla fine di luglio per dare tempo alla Deputazione generale di nominare il nuovo vertice e la deputazione amministratrice.

"Lo statuto già prevede un alto profilo e il collegamento con Btg Pactual e Fintech impongono una interlocuzione internazionale, è un'occasione che deve essere colta, bisogna pensare in grande, non alla meno", ha detto.

La Fondazione ha chiuso il bilancio 2013 con un risultato positivo per circa 22 milioni di euro.

Grazie alle cessioni effettuate nell'esercizio, la Fondazione ha anche bloccato l'emorragia patrimoniale. Il valore netto contabile del patrimonio è pari a 723 milioni in crescita dai 673 dell'esercizio precedente.

Il peso della banca Mps nel patrimonio dell'ente, post aumento di capitale - che la Fondazione sottoscriverà per la sua quota - "non dovrebbe superare il 25%, nonostante l'incremento da 3 a 5 miliardi", spiega la Fondazione in una nota.   Continua...