A2A, lista Assogestioni favorita per 2 consiglieri di minoranza

venerdì 13 giugno 2014 12:13
 

BRESCIA, 13 giugno (Reuters) - La lista presentata dai fondi potrebbe spuntare due consiglieri su tre destinati alle minoranze nel nuovo Cda di A2A, post-passaggio dal sistema duale a quello tradizionale composto da dodici rappresentanti rispetto ai 23 precedenti. A farne le spese la Tassara che punta a confermare i due consiglieri uscenti, Mario Cocchi e Giambattista Brivio.

E' questa la novità che dà un po' di suspence all'assemblea odierna della superutility lombarda convocata per il via libera al dividendo 2013 e all'adozione del nuovo statuto con consguente cambio della governance.

Nessuna sorpresa, invece, per i vertici del gruppo: Luca Valerio Camerano sarà nuovo AD e Giovanni Valotti presidente, scelti dai due comuni principali azionisti Milano e Brescia.

In assemblea è presente il 69,12% del capitale. Fra i principali azionisti con quote superiori al 2%, Milano detiene il 27,669%, Brescia il 27,456%, Tassara il 2,512% e Ubs il 2,041% del capitale.

"La lista di Assogestioni avrebbe raccolto intorno al 10% del capitale, mentre quella della Tassara che include anche i comuni di Bergamo e Varese, più altri soci bresciani, non più del 7%, pertanto i fondi potrebbero spuntare due posti", dice una fonte, sintetizzando le indiscrezioni raccolte tra i soci. Anche Fondazione Cariplo, che detiene una quota intorno all'1%, potrebbe decidere di sostenere la lista dei due comuni, facendo così venire meno il proprio appoggio verso le liste di minoranza.

Se cosi fosse, a essere eletti sarebbero Luigi De Paoli e Dina Ravera per Assogestioni e Mario Cocchi per la Tassara. In questo modo si risolverebbe anche la questione delle quote rose (20% dedl Cda), perché entrerebbe una terza donna che si aggiunge alle altre due presenti nella lista dei due comuni, principali azionisti, Milano e Brescia.

"I tempi stanno cambiando", si è limitato a dire Cocchi in riferimento all'ipotesi che i fondi possano avere più posti in Cda. A favore della Tassara si sono mossi i soci bresciani, ma potrebbero non bastare, se altri soci, come quelli istituzionali, hanno deciso di puntare su Assogestioni.

(Giancarlo Navach)   Continua...