Telecom Italia, strategia post-Telco in mano ad AD - Gros-Pietro

giovedì 12 giugno 2014 19:46
 

MILANO, 12 giugno (Reuters) - Dopo lo scioglimento di Telco, attuale azionista di riferimento, le scelte strategiche di Telecom Italia saranno in capo all'AD e approvate dal cda in cui gli indipendenti sono largamente in maggioranza.

A dirlo è Gian Maria Gros-Pietro, presidente del consiglio di gestione di Intesa Sanpaolo, banca che si appresta ad uscire da Telco.

"Mi sembra chiaro che qualsiasi visione strategica sarà approvata dal cda su indicazione dell'AD. L'azionista con il 15% (Telefonica ) sarà il più importante ma non sarà in grado di definire le strategie della società", ha detto in risposta a una domanda sulla governance di Telecom nel post-Telco.

Gros-Pietro ha affermato che si parte da "un cda largamente composto da indipendenti" e da "un AD molto in gamba".

Intesa, ha poi ribadito, vuole dismettere le sue partecipazioni non rilevanti, tra cui quella in Telecom via Telco, nel corso della durata del piano industriale "piuttosto prima che dopo".

Anche gli altri due azionisti italiani di Telco, Generali e Mediobanca, sono in uscita dalla holding. In particolare la compagnia trestina ha già deciso formalmente di esercitare l'opzione per l'uscita.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia