Prelios vede crescita circa 40% Ebit piattaforma servizi in triennio

giovedì 12 giugno 2014 14:55
 

MILANO, 12 giugno (Reuters) - Il nuovo piano industriale 2014-2016 di Prelios prevede una crescita dell'Ebit della piattaforma servizi di circa il 40% nel triennio, rispetto a un valore 2013 di 6,3 milioni di euro.

L'indebitamento finanziario netto al 2016 è visto inferiore ai 200 milioni rispetto ai 388,4 milioni del 2013, si legge in una nota.

"La società, da un punto di vista operativo, si appresta ad invertire la tendenza migliorando la marginalità e ponendosi sul mercato come aggregatore leader nel settore dei servizi immobiliari", commenta nel comunicato l'AD Sergio Iasi. "In un'ottica stand alone, questo risulta possibile grazie a tre fondamentali direttrici: l'accelerazione del passaggio a pure management company che si compirà definitivamente al termine del triennio come conseguenza del piano di dismissioni e la relativa razionalizzazione della struttura, l'ulteriore rafforzamento dell'alleanza con il sistema bancario e la transizione dal mercato captive a quello non captive".

Considerando l'obiettivo di migliorare ulteriormente le performance dei ricavi, oltre a iniziative crescenti per lo sviluppo del business il gruppo ha previsto "l'adozione di un insieme di misure di natura finanziaria volte a bilanciare i flussi di cassa in entrata e uscita" e "azioni di cost efficiency, volte a razionalizzare ulteriormente la struttura dei costi del gruppo senza penalizzare lo sviluppo e la fidelizzazione delle eccellenze umane".

Il piano, sviluppato in un'ottica stand alone, non considera gli effetti derivanti dalla stipula di eventuali accordi societari o commerciali di natura straordinaria, per i quali sono già in corso contatti con possibili partner, precisa la nota.

Il comunicato informa inoltre che proseguono le negoziazioni con il fondo internazionale di private equity Fortress Investment Group relative a possibili integrazioni con Prelios nel settore della gestione.

I clienti Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su

  Continua...