Pubblicità, doccia fredda investimenti, aprile -4,4% con Tv -3,6%-Nielsen

mercoledì 11 giugno 2014 12:59
 

MILANO, 11 giugno (Reuters) - Doccia fredda per il mercato degli investimenti pubblicitari in Italia, con aprile in calo del 4,4% su anno dopo il -1,9% registrato a marzo.

Si interrompe bruscamente dunque il movimento di progressivo miglioramento che, seppur zoppicante, si stava delineando negli ultimi mesi.

E' quanto emerge dai dati Nielsen secondo cui la riduzione tendenziale nel primo quadrimestre è del 3,6%, pari a circa 77,8 milioni di euro in meno rispetto a gennaio-aprile 2013.

In netto calo la pubblicità sulla Tv, che dal +5,1% di marzo segna ad aprile -3,6% con un dato cumulato nei quattro mesi a +0,5%.

Un relativo miglioramento si nota invece per la stampa, dove il -7,6% di aprile riporta per la prima volta da febbraio 2012 la contrazione a una sola cifra. Resta -13,6% il calo gennaio-aprile.

Scendono del 9,8% gli investimenti nella radio che comprime così il saldo positivo sui quattro mesi a +1,6% da +6,3% del trimestre.

Internet, relativamente al perimetro attualmente monitorato, conferma il -2,7% già visto nel trimestre e cala del 2,6% sul singolo mese di aprile. Comprendendo anche social network e resarch, Nielsen stima un dato cumulato vicino a +3%.

Ancora in negativo il cinema, il direct mail e l'outdoor.

"Il susseguirsi di festività e ponti in aprile ha contribuito a frenare l'andamento economico e in particolare quello del mercato pubblicitario", commenta Alberto Dal Sasso, Advertising Information Services Business Director di Nielsen. Maggio, peraltro, sconterà l'incertezza dell'effetto elezioni. "Il barometro si sta gradatamente muovendo dallo zero al segno meno, come da più parti previsto in questi ultimi giorni", conclude Dal Sasso.   Continua...