PUNTO 2-Borsa, Mps cede oltre 23% dopo sospensioni, diritti -13%

mercoledì 11 giugno 2014 12:55
 

(Aggiorna, aggiunge dichiarazione Profumo)

MILANO, 11 giugno (Reuters) - Mps tratta a singhiozzo dopo varie sospensioni e cede poco prima delle 13 oltre il 19%, mentre i diritti perdono circa il 12,5%, un po' sotto i minimi di apertura.

Dall'avvio dell'aumento lunedì scorso il titolo non era mai riuscito a inserirsi nella negoziazione continua e per due giorni ha fatto prezzo solo nell'asta di chiusura segnando rialzi di quasi il 20%.

Trattati quasi 36 milioni di azioni, rispetto a una media giornaliera a 30 giorni di 31,2 milioni e 4,3 milioni di diritti.

A questi valori resta ancora più conveniente il diritto dell'azione, che comprata attraverso i diritti vale intorno a 1,4 euro.

Il presidente della banca Alessandro Profumo, parlando oggi a Firenze a margine dell'assemblea di Confindustria, ha ricordato che operazioni di questo tipo sono soggette a forti oscillazioni.

"Ci sono tutta una serie di tematiche tecniche che portano a questa grande pressione sul prezzo del titolo. In tutti gli aumenti di capitale ci sono delle forti oscillazioni dei prezzi, dei diritti. Adesso da noi c'è un tema tecnico legato al volume dell'aumento di capitale rispetto alla capitalizzazione", ha detto Profumo.

"Faremo poi tutte le valutazioni quando sarà concluso l'aumento, e questo accadrà a breve", ha aggiunto.

Dai trader i giudizi sui movimenti di questi giorni sono contrastati, tra chi lamenta un interventismo dei regolatori che "hanno consentito la negoziazione delle azioni solo oggi che i titoli scendono" e chi giustifica scelte "che hanno impedito un eccesso di speculazione".   Continua...