Gas russo arriva ancora in Ucraina nonostante ultimatum scaduto

martedì 10 giugno 2014 11:39
 

MOSCA, 10 giugno (Reuters) - Le forniture di gas naturale all'Ucraina e all'Unione europea continuano a essere stabili oggi, anche se la scadenza posta dalla Russia a Kiev per il pagamento di una parte dei debiti è trascorsa.

Lo riferiscono fonti di Gazprom, l'esportatore russo di gas.

Lo scontro sui prezzi del gas è al cuore della crisi tra Russia e Ucraina, e in mancanza di soluzioni c'è il rischio che alimenti nuove tensioni tra i due paesi, dopo settimane di violenze nell'Ucraina orientale.

La Russia aveva dato tempo fino alle 10 (le 8 ora italiana) per pagare o vedersi tagliare le forniture, ma l'ultimatum sembra essere stato ritirato almeno per il momento, mentre a Bruxelles continuano oggi o domani i negoziati sotto la mediazione della Ue.

L'Unione riceve dalla Russia un terzo delle proprie importazioni globali di gas, metà delle quali attravesro l'Ucraina.

Una fonte di Gazprom ha detto che la Russia sta continuando a rifornire l'Ucraina con i normali volumi di gas, e che anche il traffico verso l'Europa resta stabile.

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia